Eccomi qua a raccontare di me e delle mie perversioni sessuali. Mi chiamo Anto sono un giovane ragazzo di Siracusa, io amo i piedi e il loro mondo mi piace assaporare il loro sapore e leccarli. Ho sempre avuto difficoltà a trovare qualcuno che fosse capace di soddisfarmi, perchè ha una scopata io preferisco una sega con i piedi. Una settimana fa ho conosciuto una milf al supermercato, bella e provocante con un abito in lattice, che subito mi ha fatto capire che era molto dominante. La sera stessa ci vediamo in un parcheggio vicino al supermercato, e lei arriva con un abito nero in lattice e degli stivali con un tacco enorme. Seduti in macchina lei appoggia le sue scarpe sui mio cazzo e inizia a massaggiare il mio pacco, poi prende il tacco e me lo infila in bocca e mi dice “leccamelo merda”, io obbedisco alla mia dominatrice. Poi si toglie uno stivale e mi mette in bocca l’altro piede e mi dice ” succhiami le dita se non vuoi essere punito”. A quel punto mi lega le mani al volante e con entrambi i piedi mi massaggia il corpo su e giù dalla bocca al cazzo, aveva dei piedi stupendi e emanavano un odore di piedi come piace a me. Lei mi tocca dai pantaloni io lo ho durissimo, vorrei annusarli toccarli, ma lei mi umilia di continuo, e mi dice che valgo meno del fango, e mentre me lo dice mi guarda negli occhi e con il piede sul cazzo si infila sotto ai jeans. Poi mi slega e mi fa scendere dalla macchina si mette sul cofano e mi dice ” inginocchiati a me e annusa i miei piedi” io li prendo in mano me tengo sulla faccia mentre le mi obbliga a masturbarmi, lo avevo molto duro era molto eccitato anche perché eravamo in luogo dove la gente passava, e l’idea che mi potessero vedere mi eccitava molto. A quel punto lei prende una sorta di guinzaglio e me lo mette al collo e mi fa camminare intorno alla macchina dicendomi che ero stato cattivo che ero inutile che non meritavo i suoi piedi, quindi mentre ero a carponi mi schiaccia la faccia a terra con i piedi. Dopo avermi torturato un po’ verbalmente e fisicamente mi fa tornare in macchina, si sdraia dietro a gambe aperte, aveva addosso solo un mini slip leopardato, e mi dice ora prendi i miei piedi e toccali annusali e masturbati ” voglio vedere come godi” “devi obbedirmi, devi godere, e dei sborrarmi sui piedi”. Questa donna matura sa cio’ che voglio, e mentre assaporavo i suoi piedi mi toccavo, e ogni tanto mi dava qualche schiaffo con i piedi. Non resisto piu’ con una mano prendo il piede e lo annuso con l’altra mi segavo e sborro, vengo cosi’ tanto che gli schizzi altre che a coprirle i piedi finiscono anche sulle sue grosse tette. Che dirvi una esperienza unica ma che spero possa continuare ho voglia di provare altri piaceri della sottomissioni voglio diventare un bravo slave per la mia padrona.

5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
antonio
antonio
3 mesi fa

minkia mi sono segato leggendo sto racconto.

1
0
Commenta il raccontox
()
x