la mia zia porca

ciao a tutti questa e una storia per metà incestosa perchè la storia che vi racconterò ora è con mia zia ma non di sangue mi ha cresciuto la chiamo zia ma in realtà nn siamo niente…Praticamente sono 6 anni che lavoro per lei nelle terre in suo possesso.Abitiamo in un cascinale sperduto nelle campagne dove per raggiungere il centro della città ci vogliono dieci km e dalla casa più vicini 7 km…praticamente sperduti…d’altronde ha un casino di ettari di terra…Lei ha sempre stravisto per me dall’ infanzia ma dai 25 in poi ancora di più da quando mi ha visto nudo in doccia(lei dice per sbaglio)….io e lei facciamo sesso praticamente dal secondo giorno che sono arrivato qui….la sera prima facendomi la doccia entrò per sbaglio nel bagno per lasciarmi l’ asciugamano ma il box doccia è in vetro trasparente quindi si vede tutto benissimo lei mi rimase a guardare per poi chiedere scusa e uscire ridendo dicendomi ci vediamo domani mattina che ti dirò tutto sul lavoro il va
do giu (visto che lei vive nel piano di sotto della cascina)…al mattino seguente mentre prendo il caffe sento arrivare lei dalle scale dicendomi dalla porta senza entrare vieni dove c’è la rimessa dei trattori cosi ti dico il da fare…io mi sbrigo a bere il caffe e vado in rimessa (premetto che le mai stata sposata cioè zitella e nelle terre lavoriamo io e lei e spesso vengono 4 sue amiche ad aiutarci ma quel giorno, come quasi sempre eravamo solo io e lei) vedo che è ha una veste lunga a fiori classica da contadina e un cappello di paglia in testa e scalsa a lei piace andare scalsa per la campagna…vedo che aveva poggiato il piede destro sulla piantana per salire sul trattore e chinata in avanti ed era ferma a dieci metri da lei gli chiedo: zia tutto ok? e lei: si si alza la mia veste e muoviti…(mentre sorrideva) io esterefatto gli dico: scusa zia non capisco. e lei con molta frustrazione mi dice:alza sta cazzo di veste muovitiii….io ero rosso in faccia come un pomodoro
me lo sentivo dal caldo che sentivo in viso dalla situazione che che stavo vivendo, alzai la veste e visti la sua mano che spingeva una zucchina nella sua figa e da dietro non capivo molto all’ inizio pensavo stesse male invece ravanava la figa con questa zucchina, io esclamai: zia però che fregna. e lei: si si ma io stamattina visto che ho la figa occupata voglio che metti il tuo cazzo nel culo…io: zia ma ti faccio male e poi no dai lasciamo stare.lei incazzosa: muoviti mettimelo in culo mi sono rotta e da anni che mi masturbo solo con zucchine e melanzane muoviti.io: zia ma cosi senza olio a freddo no no. e lei mi dice: guarda bene e gia invasellinato muoviti ma sei frocio…a quel punto dissi ora ti fa vedere il frocio….passai due dita sul suo buco del culo pieno di vasellina che alle sei di mattina non si vedeva molto bene., le dita erano unte e me le passai sul pene e come diventò bello unto glie lo infilai piano piano ma vedevo che il culo era bello sfondato….come glie
lo misi dentro comincio ad urlare:vai vaiiii rompimi il culo, scopami come una troiona…..cominciai a trapanarle il culo come un forsennato e lei urlava come una pazza e più la sentiv urlare più gli sfondavo senza tregua il culo fino a quando gli sborrai dentro il culo….lei molto soddisfatta si sedette sul carro e mi guardò soddisfatta e mi disse che lei con me aveva intenzione di vivere un pò all’estremo del sesso visto che li siamo solo io e lei poi lei è molto piacente anche se in carne 70 kg di donna capelli biondi lisci e occhi verdi (anke se a me non è che piacciono molto le bionde) e visto che lei è sola e io gli piaccio molto mi disse anke che durante la giornata mi dvrò aspettare di tutto da lei…io incredulo gli dissi:zia ok mi piace come cosa anzi una cosa cosi non credo mi ricapiti, però cerchiamo di far si che rimanga tra di noi e lei mi rispose ci mancherebbe tesoro…andammo a lavoro finalemnte io con il trattore e lei cn la sua macchina dietro in caso s
uccedeva qualcosa non eravamo proprio a piedi…stavamo cogliendo i pomodori e lei di fronte a me fa: che caldo senti mi metto nuda. io ancora esterefatto gli dico: ma qui in mezzo?lei: tanto è tutto mio ed è chiuso per 4 km quindi è impossibile che qualcuno arrivi e mi veda….io capii qualcosa….si rimise a cogliere i pomodori tutta nuda con il culo di fronte a me dopo neanche cinque minutimi disse:cosa aspetti a montarmi? non me lo feci ripetere due volte mi spogliai anche io la sdraiai sui miei vestiti a terra e gli leccai tutta la figa bagnata lei ansimava come una vacca quando mi disse: metti a pecora… la misi a pecora e gli infilai il cazzo nella figa stralarga e calda non se lo fece mettere neanche piano gli piaceva chiavare a tutto ritmo senza sosta però non poteva finire senza essere inculata a raffica…..continuava ad urlare come una pazza per la campagna dicendomi sfondami, sfondami sono la tua troia,dai,(mai scopato in vita mia cosi) e quando stavamo per finire
si fece sborrare in faccia…continuava ad ansimare e anche dopo finito e come si riprese si alzò e lentamente si diresse verso la macchina sfinita dicendomi mi sento il culo rotto ora andiamo a casa a mangiare…quel giorno comunque fini cosi senza altre situazioni di sesso..ma molte mattine quando facciamo colazione insieme dopo che ha preso il caffe dice che vuole il dolce e non sempre scopando magari lei è seduta mi fa un pompino e gli sborro in bocca e poi si va a lavoro…e me lo ribadisce sempre che sarà sempre estrema la cosa….giorni dopo andò a fare spesa e tornando entrando in casa con le buste, fece finta che se ne ruppe una e si chinò io andai a dargli una mano era sulla soglia della porta di entrata ed io ero dietro a lei ma fuori, mentre mi chinavo vidi che non aveva mutande addosso e lei rise io capii che era ora di scopare….me la scopai sulla porta a pecorina non mi interessava ma solo nella fregna quel giorno fino a sborrargli dentro durò poco però….ci
piace scopare a pecorina….la sera stessa mi fece sdraiare sul divano con il cazzo duro e mi disse che voleva vedere la tv con il cazzo nel culo ma io non ce la facevo dovevo trivellarla ….la presi di forza la misi a pecora sul divano e dopo che glie l ho infilato gli davo dei colpi cosi forti nel culo che urlava dal piacere e il dolore 4 5 volte per poi sfogarmi come un martello pneumatico sul culo…poi glie lo misi nella figa slabbrata e gli occupavo il culo con il pollice,godeva da matti…poi mi staccai andai a prendere una zucchina e lei ridendo disse: e quella?io: ora vedi dove te la ficco….glie la misi nella figa e io ritornai a rompergli il culo urlava come una pazza amo sentirla urlare dicendo: rompi rompimi tutta bello di zia ….vivo questa storia ormai da molti anni e sono strasoddisfatto.
Scritto da Manu83

Post correlati

5 2 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Content is protected !!
0
Commenta il raccontox
()
x