dominazione bdsm-manette-gold.jpg

Ci eravamo conosciuti on line, per gioco e senza alcuna aspettativa. Lui mi aveva attratta da subito, ogni parola al momento giusto, spiritoso, attento e sì, chiaramente, tanto, tanto porco, come piaceva a me. M. era il mio Padrone perfetto, in un attimo divenne anche più che adorato, amato addirittura, il mio punto di riferimento sentimentale ed erotico.

Sessualmente mi faceva impazzire. Mentalmente ancora di più. Era un duro, un sadico e un depravato. Insieme esploravamo fantasie cui io non mi ero mai avvicinata. Ero totalmente soggiogata, e mi piaceva tantissimo quella sensazione.

Il nostro rapporto si era evoluto molto nel tempo fino a diventare una relazione sentimentale, sebbene a distanza.

Poi finalmente la svolta: vado a vivere da lui.

  1. è un uomo straordinario, di grande cuore, dolce e protettivo. Mi accoglie con amore in casa sua, siamo così felici di realizzare ciò che sembrava solo un sogno! Prima di tutto siamo innamorati. Poi ci viene così facile e spontaneo fare emergere la nostra natura più segreta e perfettamente complementare. Credo che ci siamo capiti benissimo, anche prima di conoscerci più approfonditamente. Io sono la sua schiava, desidero esserlo con tutta me stessa, gli cedo il potere e lui comanda e dispone, e questa è la sua indole più autentica, che esprime totalmente solo a me.

In questo gioco il rapporto non è alla pari e io so che mi aspettano pratiche e momenti che non desidero, che temo..ma sono la sua volontà, il suo piacere e il mio ruolo mi impone di assecondarlo. Poi ci sono pratiche che mi fanno addirittura paura, l’elettricità per esempio, o le dilatazioni, ma a lui lo eccitano. Allora so che sarà mio dovere, e anche mio desiderio in un certo senso, accettare quello che vorrà farmi, donandogli la mia paura, il mio dolore, la mia fragilità. Tutto questo per il suo piacere, per la sua libido che si esalta farmi male, per la sua gratificazione nel vedermi piangente e annullata dal suo totale potere su di me. In quei momenti lui è il mio dio e il mio tutto, e io sono complementare in sua balia. Naturalmente per me è la situazione più appagante che potrei desiderare e in tutti questi anni l’ho provata solo con lui.

Non è un caso che per il nostro primo incontro ha voluto sottomettermi subito, senza troppi preamboli, per mettere subito in chiaro i ruoli, chi comanda e pretende e che deve dare e lasciarsi fare. Prima la sottomissione, questo aveva stabilito. Infatti quel giorno ci incontriamo, ci abbracciamo, ci baciamo a fondo, ci scambiamo leccate e saliva mentre io gli accarezzo il cazzo sotto i pantaloni e lui mi abbassa la scollatura facendomi uscire le tette che subito mi strizza, dalla base al capezzolo che poi stringe e tira con decisione facendomi venire le lacrime agli occhi. Io chiudo gli occhi e inizio a ad andare in una altra dimensione: le sue mani sono sconosciute ma mi prendono e mi stringono con la forza e la decisione di chi non ha dubbi né remore perché in realtà mi conosce.  Pretendono di strizzarmi i seni come fossero di gomma, ma la mia carne delicata si arrossa subito e in breve i capezzoli sono duri, rossi e bollenti mentre lui li munge e li tira sempre più. La sua lingua mi entra in bocca, mi esplora, mi cerca mentre con la mano sulla mia nuca mi muove e mi attira con forza contro di se. Il suo odore mi fa impazzire, ci lecchiamo, succhiamo le nostre salive e godiamo a mischiarle e quanto mi sputa in bocca io gusto tutto con eccitazione e gratitudine, amo tutto del mio adorato Padrone. Improvvisamente mi tira per i capelli allontanandomi da sé, mi guarda voglioso ma severo, mi dice solamente “inginocchiati troia” e sempre tenendomi salda dalla nuca mi fa abbassare tra le sue gambe. Sappiamo che questo è il mio posto da cagna, e io sono complementare a mio agio mentre con delicatezza gli slaccio prima la cintura poi i pantaloni. Mi avvicino al suo cazzo duro, sono emozionata perché lo adoro, sento il suo odore di maschio che mi fa impazzire, lo desidero tantissimo e sono sempre più eccitata. Ma lui mi strattona e mi ferma: “tantissimo e sono sempre più eccitata. Ma lui mi strattona e mi ferma: “sfilami la cintura, schiava”. Eseguo velocemente, gli passo la cintura di cuoio mentre i nostri sguardi si incrociano: so che ha visto tutto il mio desiderio e anche tutto il mio timore. Perché io sono così, lo desidero il dolore, mi eccita da pazzi l’idea, ma poi quando sono al dunque e l’idea diventa realtà mi terrorizzo, perché il dolore vero lacera, brucia, corrode. E io voglio e temo,

godo e piango, desidero e ho paura. E lui lo sa. E lentamente impugna la cintura, rinsalda la stretta dei miei capelli alla nuca, mi inclina la testa e mi guarda negli occhi mentre io in ginocchio lo desidero e lo temo. E all’improvviso mi frusta con forza senza distogliere lo sguardo dai miei occhi che si riempiono di sorpresa e di lacrime mentre grido il mio dolore. È un attimo ma mi manca il fiato, la pelle brucia tantissimo, ho quasi un giramento di testa ma lui mi tiene stretta, mi guarda autoritario e mi sputa in faccia, poi mi dice “adesso puoi succhiarmi il cazzo, troia” e io come in trance lo prendo in bocca e lo assaporo finalmente, lo succhio e lo pompo mentre lo accarezzo con la lingua. Lo voglio tutto, mi fa impazzire, ho solo un desidero ora, gratificare il cazzo del mio Padrone, è a quello che servo. Succhio, lecco, mi strofino, insalivo…lui sente quanto lo adoro si lascia completamente andare al piacere, lo sento respirare e ansimare, è stupendo. A volte torna in sé e mi frusta, non prima di avermi staccata da se puntandomi lo sguardo negli occhi. Perché vuole vedere il mio dolore, le lacrime, il mio sguardo che lo supplica di smettere…ma è lui che decide, e alterna per un po’ la mia punizione al piacere che gli stavo dando, e ogni volta lo trovo più duro e voglioso. Finché non mi ordina di mettermi a quattro zampe, alzare la gonna (le mutande non le ho come ha voluto lui) e allargarmi le chiappe per mostrargli il buco del culo. Eseguo velocemente e non ho quasi il tempo per vergognarmi: mi infila subito un dito e ci gioca un po’..poi due, li ruota, spinge, cerca di allargare il mio culo che già inizia ad essere tirato. Io ansimo, cerco di rilassarmi, di ascoltare solo il piacere…ma poi velocemente estrae le dita, sputa, appoggia il cazzo e inizia a spingere. Lentamente ma inesorabilmente…lo supplico di fare piano, che non sono abituata, che ho già male..ma so che non si fermerà, che me lo farà entrare tutto in una volta ma lentamente, per sentire tutta la mia sofferenza, il mio tremore, il mio respiro affannoso e goderne. Mi tira per i capelli e mi avvicina a se, sento il suo fiato dietro di me mentre mi sussurra a un orecchio “lo sai che devi soffrire per  me?”  Io senza fiato annuisco con la testa “lo vuoi?” chiede ancora. “Lo desidero Padrone, ti prego fammi male” è quello che riesco a dire con le lacrime agli occhi e il fiato corto. Sento la sua eccitazione, il suo cazzo alle mie parole si è anche ingrossato e brucia di più, e lui appagato con un colpo di reni affonda complementare dentro al mio culo che cede ma mi fa urlare e piangere ormai. Tra il dolore, il desiderio, la paura mi lascio andare, mi lascio usare, soffro ma è questo di cui ho bisogno. Finché il dolore non diventa lentamente piacere, lo sento arrivare da lontano e non mi sembra possibile ma è così. Lui affonda sempre di più velocemente, andiamo allo stesso ritmo, io ho un fuoco fra le gambe per cui inizio a toccarmi furiosamente, mentre lui continua a tormentarmi i capezzoli. Le sue spinte sono sempre più violente, mi sbatte come la cagna in calore che sono, la sua cagna in calore. Chiudo gli occhi e mi lascio andare, il culmine del piacere ci sovrasta come un onda lasciandoci ansimanti e storditi, dal piacere, dalla situazione, dalla nostra intesa e dalla certezza di esserci trovati. Lui ora lo sa che sono io, come io so che è lui. Mi attira dolcemente a se’ facendomi adagiare su un fianco racchiusa nel suo abbraccio che mi cinge da dietro. Ora mi accarezza e mi dice quanto sono il suo amor Ora mi accarezza e mi dice quanto sono il suo amore e la sua vita, sapendo benissimo quanto lo sia anche lui per me.

Questo è stato il nostro primo incontro, ogni volta che ci ripenso mi emoziono e mi sembra di riviverlo così nitidamente quando chiudo gli occhi e lo ricordo. Ma soprattutto penso che sia stato il degno inizio a tutto ciò che è seguito dopo, e di cui il mio adorato Padrone ed io abbiamo deciso di scrivere.